News & Blog

SECUTOR&GALEAM. Falanghina e Coda di Volpe di Masseria Vigne Vecchie

SECUTOR&GALEAM. Falanghina e Coda di Volpe di Masseria Vigne Vecchie

I primi vini 2018 di Masseria Vigne Vecchie, dopo la primizia del giovanissimo e amabile Novello, Rosso IGP BENEVENTANO Biologico, pronto dopo soli quindici giorni di macerazione carbonica, sono la Falanghina e la Coda di Volpe. Monovitigni principi di Masseria Vigne Vecchie, due vini, due etichette:

- Secutor Falanghina del Sannio D.O.P. 2018 BIO

- Galeam Sannio Coda di Volpe D.O.P. 2018 - in conversione

Seppur è vero che in Italia e nel mondo una vendemmia non sarà mai uguale all'altra, l’ultima vendemmia (2018) per la produzione biologica non è stata semplice, visto il completo disarmo di fronte a determinate condizioni atmosferiche e conseguenti sporulazioni funginee. Nonostante abbia proprietà diverse dall’annata precedente, anche questa nuova Falanghina parteciperà a vari concorsi e rassegne Enologiche Internazionali tra cui quelli proposta da Città del Vino, meglio conosciuta come “La selezione del Sindaco”.

float-leftSecutor Falanghina del Sannio D.O.P., top wine della linea Samnes di Masseria Vigne Vecchie, si inserisce in un anno importante a livello internazionale, e cioè nell’anno del riconoscimento di Sannio Falanghina – EUROPEAN WINE CITY 2019 - Città Europea del Vino 2019. Il Secutor, la nostra Falanghina in purezza, esprime la sua ampiezza grazie ai lieviti selezionati e alla spremitura soffice che evita il passaggio di sostanze fenoliche dalla buccia alla polpa. A naso è particolarmente espressiva e interessante, si percepiscono note di pompelmo, limone, ananas e banana fino ad arrivare ad una nota di biancospino. In bocca, l’acidità è perfettamente bilanciata dalla buona sapidità e dalla lunga persistenza. Una Falanghina esplosiva che, nonostante le difficoltà atmosferiche dell’annata, ha cercato di emergere e tenterà di far valere le eredità riconosciute e conseguite nel 2017 dalla sua precorritrice.

float-leftUn nuovo prodotto che va ad arricchire la linea Samnes, allungando il profilo tracciato della Dormiente del Sannio allineando le nostre etichette è Galeam Sannio Coda di Volpe D.O.P. 2018. Appartiene ad un vigneto condotto secondo un’agricoltura bio che è oggi al primo anno di conversione. Vitigno ai limiti dell’aromaticità, dal bouquet ampio, percepiamo frutta gialla fresca, note di melone, per poi raccogliere zenzero, mandorla e menta che danno seguito ad un’acidità sul finale di bocca, con una buona e amabile persistenza.

Le etichette racchiudono l’essenza del vino, in Secutor, la Falanghina, la punta della lancia racconta la prepotenza dall'acidità del vino, la grinta gusto-olfattiva e la combattività, tipiche di un gladiatore sannita; in Galeam, la Coda di Volpe L’elmo, la “galea”, si fonde nella coda di una volpe in chiusura, e sta a rappresentare la forma curva della piega apicale del grappolo del vitigno coda di volpe e l’astuzia combattiva di cui i guerrieri sanniti si servivano in battaglia per vincere con valore. 

Ogni vino racchiude aromi, profumi ma soprattutto storie e Masseria Vigne Vecchie vuole rievocare con i suoi prodotti, non solo i frutti del nostro territorio ma anche frammenti di storia del nostro Sannio.